Skip to content
narrow screen wide screen auto screen Increase font size Decrease font size Default font size blue color orange color green color

Unità Pastorale di Botticino

Casa dell'ammalato PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
Giovedì 18 Febbraio 2016 12:35

AddThis Social Bookmark Button
 
24 ore per il Signore PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
Giovedì 18 Febbraio 2016 02:02

AddThis Social Bookmark Button
 
Itinerario fidanzati 2015-16 PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
Lunedì 19 Ottobre 2015 22:45

AddThis Social Bookmark Button
 
Formazione adolescenti PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
Lunedì 19 Ottobre 2015 22:44

AddThis Social Bookmark Button
Ultimo aggiornamento Lunedì 19 Ottobre 2015 22:47
 
Articolo tratto da "Avvenire" PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
Venerdì 13 Novembre 2009 12:38

 «Qui lavoriamo per gli ultimi nel nome di don Arcangelo»

Lorenzo Rosoli

DAL NOSTRO INVIATO A BOTTICINO

Una folla di persone ha ac­compagnato sabato scorso la nuova urna col corpo di sant’Arcangelo Tadini dalla casa madre delle «sue» Suore Operaie al­la chiesa parrocchiale di Botticino Sera. La «sua» chiesa – qui fu parro­co dal 1886 fino alla morte, il 20 maggio 1912 – elevata a maggio al rango di santuario e basilica mino­re. Qui, domattina, arriverà Bene­detto XVI a venerare le spoglie del prete da lui stesso canonizzato il 26 aprile scorso. Un segno importan­te, quel «pellegrinaggio» con l’urna del santo fra la co­munità delle reli­giose fondate da Ta­dini
e la parrocchia­le. «Il segno che Ta­dini, grazie al cam­mino fatto insieme, non «appartiene» più solo alle Suore Operaie ma all’inte­ra comunità di Bot­ticino. E grazie alla canonizzazione, anche alla diocesi». A parlare è don Raf­faele Licini, parroco delle tre parrocchie presenti nel territo­rio comunale, confluite in un’unità pastorale intitolata proprio a Tadi­ni. La costruzione dell’unità pasto­rale – che ha mobilitato le comunità in un itinerario formativo e missio­nario – si è intrecciato con la risco­perta e la «condivisione» della figu­ra di Tadini, spiega il parroco. In questo memorabile 2009, la cano­nizzazione e la visita del Papa.
Cosa significa
essere il successore di un «prete sociale» e di un parro­co santo come Tadini? «Significa ri­cordarsi che se non parti dal rap­porto con Dio, il tuo impegno so­ciale rischia di essere vano». Tadini diede risposte innovative alla 'que­stione sociale' – nella scia della Re­rum novarum di Leone XIII – per­ché era un prete che arrivava al­l’impegno di carità attraverso la pre­ghiera, l’Eucaristia, l’amicizia colti­vata con Gesù. Se non è così, diventi un prete che segue le mode o che si rinchiude in chiesa», scandisce Li- cini, trent’anni esatti da sacerdote e fondatore di una comunità tera­peutica in Valle Sabbia.
Benedetto XVI rende omaggio a Ta­dini ad Anno Sacerdotale in corso. Un gesto significativo. «E una coin­cidenza singolare: la data di aper­tura dell’Anno Sacerdotale, il 19 giu­gno, è la stessa dell’ordinazione pre­sbiterale di Tadini – sottolinea Ma­ria Regina Biscella, suora operaia e postulatrice della causa di Tadini – . Quale gioia accogliere il Papa da­vanti all’urna del nostro fondatore! Noi siamo una piccola congrega­zione, appena 200 suore, presenti in Italia, Inghilterra, Burundi e Bra­sile. La nostra spiri­tualità è illuminata dal mistero dell’In­carnazione, guarda al Gesù di Nazareth che nella Santa Fa­miglia crebbe e la­vorò con mani d’uomo». Al santo fondatore
è stato dedicato un «Anno Tadiniano» che si concluderà il 21 maggio 2010. Molte le iniziative cultura­li e spirituali. Non solo: «La cosituzio­ne del Fondo Tadini da parte delle parrocchie di Bottici­no con la Pro Loco, la nostra con­gregazione e il sostegno delle a­ziende della Valverde, per aiutare le famiglie toccate dalla crisi econo­mica e dalla disoccupazione».
Ma il respiro delle Suore Operaie è globale: «Al Papa – conferma la re­ligiosa – presenteremo il progetto di un centro sociale e di formazione professionale da realizzare in Bu­rundi con l’aiuto dell’Associazione Cuore Amico». Una vigilia all’inse­gna della solidarietà, dunque. Ma anche
della bellezza. Con la nuova pala d’altare per la parrocchiale de­dicata a Tadini e realizzata dall’arti­sta armeno Yuroz; con l’opera «Me­moria dell’uomo» dello scultore Gianpietro Moretti allestita sul sa­grato; con l’incisione di Girolamo Battista Tregambe e la scultura di Lino Sanzeni che verranno donati al Papa.

© Copyright Avvenire, 7 novembre 2009
 

AddThis Social Bookmark Button
Ultimo aggiornamento Martedì 03 Gennaio 2012 16:19
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Succ. > Fine >>

Pagina 8 di 9

Chi è online

 61 visitatori online

Contatore

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi29
mod_vvisit_counterIeri50
mod_vvisit_counterQuesta sett.79
mod_vvisit_counterScorsa sett.377
mod_vvisit_counterQuesto mese545
mod_vvisit_counterMese scorso1641
mod_vvisit_counterDa sempre189850

Online (20 minuti fa): 2
il tuo IP: 54.234.255.29
,
Oggi: Dic 11, 2017