Il saluto di Benedetto XVI Stampa
Scritto da administrator   

"Cari fratelli e sorelle sono molto felice di essere nella parrocchia di sant'Arcangelo Tadini, che ho canonizzato poco tempo fa e dal quale sono stato edificato". Lo ha detto Benedetto XVI nella sosta fatta a Bottino Sera, nel percorso che dall'aeroporto di Ghedi lo porta a Brescia.

Nella chiesa parrocchiale il Papa ha venerato le pspoglie mortali di questo santo sociale vissuto a cavallo tra
l"800 e il '900, del quale ha ricordato "la sua vita spirituale e nello stesso tempo la grande personalità che ha avuto nella vita
soociale: ci ha insegnato - ha detto - a lavorare per un mondo fraterno dove non si vive solo per se stessi ma per gli altri. È stato
un grande dono alla scoietà, affinchè nasca in essa un amore fraterno".

Articolo tratto dal sito del "Giornale di Brescia" del 09/11/2009

AddThis Social Bookmark Button